X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Diniego del rimborso non giustificato a rischio CEDU

/ Dario AUGELLO

Mercoledì, 20 maggio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il credito d’imposta è protetto dalla CEDU, in particolare dall’art. 1 del Protocollo Addizionale, quale declinazione del diritto di proprietà individuale.
Per questa ragione, secondo la Corte di Strasburgo, meritano di essere censurati gli atti e i comportamenti dell’Amministrazione finanziaria, che hanno l’effetto di impedire o ritardare ingiustificatamente il rimborso di crediti d’imposta.

Poiché la CEDU protegge solo diritti concreti ed effettivi, la Cassazione ha affermato che non può essere invocata la tutela convenzionale, quando il credito d’imposta è contestato dall’ufficio (Cass. n. 25464/2018).
Non deve trattarsi, però, di contestazioni infondate o pretestuose, che garantiscono unicamente l’interesse fiscale. Occorre inoltre distinguere

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU