X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 23 gennaio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Errori di fatturazione rimediabili anche senza nota di credito

La Corte di Cassazione ha affermato che deve essere riconosciuto il più generale diritto al rimborso

/ Emanuele GRECO

Giovedì, 1 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ipotesi in cui sia stata erroneamente emessa fattura con addebito dell’IVA per operazioni non imponibili, il cedente o prestatore ha diritto al recupero dell’imposta versata mediante nota di credito ovvero mediante azione di rimborso all’Erario, qualora sia accertato il definitivo venir meno del rischio di perdita di gettito fiscale da parte del destinatario della fattura.
L’importante principio di diritto è stato confermato dalla Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 20843 depositata ieri, 30 settembre 2020.

Il caso affrontato dai giudici di legittimità riguardava un soggetto passivo che aveva emesso fattura addebitando erroneamente l’IVA in rivalsa, poiché l’operazione effettuata non richiedeva l’applicazione dell’imposta (dai ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU