X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Somme pattuite nell’accordo transattivo con rilevanza IVA

L’impegno a rinunciare a ogni ulteriore pretesa verso la controparte dietro versamento delle somme è un’obbligazione di non fare rilevante

/ Corinna COSENTINO

Giovedì, 4 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la risposta a interpello n. 145 di ieri, l’Agenzia delle Entrate si è pronunciata su un tema particolarmente delicato, sul quale si registrano orientamenti non univoci in ambito giurisprudenziale, ossia il trattamento IVA delle somme pattuite in via transattiva per risolvere una controversia sorta a seguito di irregolarità nell’adempimento degli obblighi contrattuali.
Il problema verte, nello specifico, sulla determinazione della “funzione economica”, risarcitoria o corrispettiva, di tali somme. Infatti, se esse vengono corrisposte a titolo risarcitorio sono escluse dalla base imponibile IVA ai sensi dell’art. 15 comma 1 n. 1) e 2 del DPR 633/72, mentre devono considerarsi rilevanti ai fini dell’imposta nel caso in cui costituiscano il corrispettivo di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU