X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Senza visto e congruità alcune comunicazioni ancora da presentare

L’obbligo non sussiste per chi, prima del 12 novembre, ha ricevuto e pagato le fatture e stipulato gli accordi per l’opzione per cessione o sconto

/ Enrico ZANETTI e Arianna ZENI

Martedì, 23 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel caso di esercizio delle opzioni per sconto/cessione del credito di imposta, corrispondente alla detrazione “edilizia” altrimenti spettante, il nuovo comma 1-ter dell’art. 121 del DL 34/2020, introdotto dall’art. 1 comma 1 lett. b) del DL 157/2021 (c.d. decreto “Antifrode”) dispone che:
- il contribuente richieda il visto di conformità;
- i tecnici abilitati asseverino la congruità delle spese sostenute secondo le disposizioni dell’art. 119 comma 13-bis del DL 34/2020.

Con una risposta dell’Agenzia delle Entrate aggiornata al 22 novembre 2021 viene sottolineato che il comma 1-ter dell’art. 121 del DL 34/2020 “si applica, in via di principio, alle comunicazioni trasmesse in via telematica all’Agenzia delle entrate a decorrere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU