Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Anche le ritenute in uscita nel calcolo per la DAC 6

Diverso l’approccio rispetto a quanto stabilito in materia di disallineamenti da ibridi

/ Gianluca ODETTO e Enrico TERRAGNI

Giovedì, 30 giugno 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

La maggior parte dei meccanismi transfrontalieri oggetto di comunicazione secondo gli schemi della direttiva 2018/822/Ue (c.d. “DAC 6”) sono tali a condizione che si riscontri l’idoneità a determinare una riduzione delle imposte dovute.
L’Agenzia delle Entrate, nella recente circ. 13 maggio 2022 n. 12, ha fornito alcune indicazioni rispetto alla rilevanza delle ritenute d’imposta operate in uscita su pagamenti verso Paesi terzi, ai fini del calcolo per individuare tale riduzione d’imposta.

Si ricorda che per alcuni meccanismi (quelli rientranti nei criteri distintivi – c.d. hallmarks – A, B, C ed E) è sufficiente riscontrare un risparmio fiscale (la c.d. “riduzione d’imposta”); per alcuni di essi (A, B, C – quest’ultimo con alcune esclusioni) ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU