ACCEDI
Giovedì, 25 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Nel concordato minore i fatti distrattivi e dissipativi rientrano nel concetto di frode

Si tratta di atti diretti a frodare le ragioni dei creditori che rendono inammissibile la procedura

/ Tommaso NIGRO

Martedì, 18 giugno 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 77 del DLgs. 14/2019 (CCII) costituisce norma di presidio all’accesso alla procedura disponendo che la domanda di concordato minore sia inammissibile se mancano i documenti di cui agli artt. 75 e 76, se il debitore presenta requisiti dimensionali che eccedono i limiti di cui all’art. 2 comma 1 lett. d) nn. 1), 2) e 3), se è già stato esdebitato nei cinque anni precedenti la domanda o ha già beneficiato dell’esdebitazione per due volte o se risultano commessi atti diretti a frodare le ragioni dei creditori. La disposizione replica, come anche emerge dalla lettura della Relazione illustrativa, alcune limitazioni già presenti nella procedura di ristrutturazione dei debiti del consumatore, tra cui anche i casi di frode accertata.

Il tema da trattare attiene, dunque, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU