X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Dopo due settimane di relativa stabilità riprendono a salire i tassi

In settimana le riunioni di Fed e Bce, le elezioni nel Regno Unito e l’entrata in vigore di nuovi dazi Usa su merci cinesi se non si trova un accordo

/ Stefano PIGNATELLI

Martedì, 10 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Si concentrano in settimana alcuni importanti appuntamenti con l’agenda macroeconomica: martedì e mercoledì si riunisce la Fed, giovedì la Bce e si vota in Uk e, infine, il 15 entreranno in vigore nuovi dazi su circa 156 miliardi di dollari di prodotti cinesi se non si riuscirà prima a trovare un’intesa.

Dopo un paio di settimane di relativa stabilità sono ripresi a salire i tassi. L’avvio l’hanno dato i tassi Usa: il rialzo riguarda il medio lungo termine con il Bond Usa 10 anni all’1,82%, il Bund 10 che da -0,37% sale a -0,31%, l’Irs 10 da 0,05% a 0,10% (segui tassi e valute su www.aritma.eu).

I dati occupazionali Usa di venerdì migliori delle attese fanno salire i rendimenti americani: si allontana l’ipotesi di un taglio dei tassi da parte della Fed ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU