Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rivalsa IVA per accertamento con forte impatto sul cessionario-committente

Rischio di penalizzazione se il cedente-prestatore ha aderito alle pretese erariali per ottenere uno «sconto» finale

/ Paolo MANDARINO e Alessandro SAINI

Giovedì, 11 luglio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per come è strutturata in seno all’art. 60, comma 7 del DPR 633/72, la rivalsa dell’IVA o della maggiore IVA, a seguito di avvisi di accertamento o di rettifica dell’Amministrazione finanziaria, rischia di penalizzare oltre misura il cessionario-committente nel caso in cui il cedente-prestatore abbia sommessamente aderito alle pretese erariali per ottenere uno “sconto” finale, contando sul riaddebito dell’IVA “a valle” per il rientro economico-finanziario.
Inoltre, la letteralità della norma che consente il diritto alla detrazione dell’imposta per il cessionario-committente laddove, tra l’altro, questi abbia “effettivamente” corrisposto alla controparte l’“intera imposta o la maggiore imposta addebitata in via ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU