X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 gennaio 2021

IMPRESA

Azioni di responsabilità da «calibrare»

La Cassazione rigetta le azioni promosse dal curatore fallimentare e dai soci di minoranza perché non adeguatamente strutturate

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 29 ottobre 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Una corretta formulazione delle domande di risarcimento dei danni è fondamentale affinché si possa pensare di conseguire risultati utili dalle azioni intraprese. È questo l’insegnamento che è possibile trarre dalle sentenze n. 22004 e 22009 della Corte di Cassazione depositate ieri.

Nel caso affrontato dalla sentenza n. 22004 – al quale si applicava la disciplina anteriore alla riforma del diritto societario (DLgs. 6/2003) – il curatore del fallimento di una srl agiva, ex art. 146 del RD 267/42, nei confronti degli amministratori e dei sindaci della società perché, a fronte della riduzione del capitale sociale al di sotto del limite legale, avevano omesso di attivare le prescritte procedure normative, ex artt. 2446 e 2447 c.c., ovvero di procedere alla liquidazione della società, ai sensi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU