X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 29 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Istanza di adesione avverso l’atto di contestazione di sanzioni senza effetti

/ REDAZIONE

Giovedì, 1 ottobre 2020

x
STAMPA

L’atto di contestazione delle sanzioni e l’avviso di accertamento seguono, dal punto di vista procedurale, discipline distinte e non sovrapponibili. Tra l’altro, solo per gli avvisi di accertamento è ammesso l’accertamento con adesione.

Per questa ragione, l’istanza di accertamento con adesione presentata avverso i due atti menzionati sospende il termine per il ricorso solamente per l’avviso di accertamento.
Così si è espressa la Corte di Cassazione con la sentenza n. 20864 depositata ieri.

In senso esattamente opposto, tuttavia, si era pronunciata la Cassazione 18 settembre 2015 n. 18377.
Va detto che, per il futuro, la problematica sembra avere minore applicazione, visto che l’art. 17 del DLgs. 472/97 post DL 98/2011 impone di irrogare le sanzioni collegate al tributo unitamente all’accertamento.

Per le sanzioni non collegate al tributo (si pensi alle violazioni sugli obblighi comunicativi), è certo che la domanda di adesione non ha nessun effetto, considerato che si tratta pacificamente di atti non suscettibili di adesione.

TORNA SU