X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

L’intelligenza artificiale può dimezzare costi e tempi di lavoro dei commercialisti

Migliora la qualità del lavoro e la produttività di molte attività svolte a vantaggio delle imprese

/ Paolo BIANCONE, Paolo MESSINA e Silvana SECINARO

Mercoledì, 16 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’intelligenza artificiale può pilotare l’80% del volo di un aereo; Alexa e Siri stanno iniziando a supportare la gestione familiare nelle case. È quindi opportuno chiedersi se il lavoro di imprese e professionisti può essere migliorato utilizzando strumenti innovativi. La risposta è sì, con l’ausilio dell’intelligenza artificiale.

Con intelligenza artificiale si intende genericamente la facoltà, posseduta da qualsiasi entità non-umana, di svolgere operazioni intelligenti, che richiederebbero cioè una capacità di calcolo, previsione, pianificazione caratteristica dell’intelligenza prettamente umana. L’intelligenza artificiale si sviluppa per introdurre due nuovi fattori fondamentali: l’apprendimento e la risoluzione dei problemi.

Per le sue caratteristiche l’intelligenza artificiale ha la capacità di provvedere a molte delle attività di routine senza o quasi l’intervento umano. Il processo è pressoché ininterrotto, privo di errori e, qualora ve ne siano, il sistema è in grado di “imparare” da essi per non ripeterli in futuro. 

Nell’operatività, le imprese e i professionisti ricevono dati, li elaborano e li controllano. Ad esempio, il sistema utilizza i dati per generare informazioni che possono riguardare il pagamento o l’invio di una fattura; mentre i dati ricavati sono inseriti in diversi finance report o gestionali per la loro revisione. Tali rapporti sono poi archiviati o analizzati per prendere decisioni sulla strategia di un’azienda o di un prodotto. Talvolta ciò può significare che i trend di questi dati possono ripetersi in diversi input o cambiare per riflettere una variazione del mercato.

I dati in questione possono essere gestiti in maniera più rapida, precisa e dettagliata con tempi ridotti e a un costo inferiore attraverso l’utilizzo dell’intelligenza artificiale. La tecnologia intelligente può, tra l’altro, generare report, inviarli poi alle persone competenti con follow-up automatico ed eventuali adeguamenti.

L’intelligenza artificiale aiuta professionisti e imprese a padroneggiare la gestione finanziaria con la tecnologia. Esistono, ad esempio, strumenti di reporting gestionale e analisi finanziaria facili da usare per valutare le prestazioni aziendali, monitorare le tendenze e identificare opportunità di miglioramento.

L’intelligenza artificiale utilizza strumenti di analisi approfondita e metriche che mostrano esattamente l’andamento dell’attività, valutandone la redditività, il flusso di cassa, la crescita e altri indicatori chiave di prestazione (KPI).
Non solo, in ambito documentale, l’intelligenza artificiale gestisce accuratamente tutti i contenuti strategici disponibili dai documenti scansionati, individua i record di sistema correlati e aggiorna istantaneamente il tuo sistema in funzione delle esigenze.

Con l’A.I. professionisti e imprese possono integrare le proprie capacità

Anche se i benefici dell’implementazioni dell’artificial intelligence sono ben noti, molte organizzazioni non li hanno introdotti nel loro sistema impresa, in quanto questa metodologia include l’acquisto di sofisticati strumenti software e l’assunzione di specialisti per eseguire analisi. A ben guardare il problema fondamentale è che la maggior parte delle organizzazioni non ha considerato l’uso di analisi dei dati, considerandola aggiuntiva piuttosto che un attivatore strategico integrato nel tessuto del processo di audit.

Mentre le competenze tecniche e gli strumenti sono sicuramente importanti per il processo, imprese e professionisti devono adottare un approccio più strategico per implementare, sostenere, ed espandere l’analisi dei dati, anche in contesti come la rendicontazione e l’audit. Infatti, l’intelligenza artificiale si dimostra essere un potente strumento di ricerca e analisi che consente di individuare le questioni e le tendenze attraverso i documenti. Questa soluzione supporta ancora una volta l’attività dei professionisti poiché il lavoro manuale ad alta intensità di compiti viene sostituito da una macchina che permette di esaminare intere casistiche.

Tuttavia, la conclusione non può e deve non essere disegnata dalla macchina: si necessita sempre dei professionisti e dei manager per interpretare professionalmente il risultato delle analisi e prendere provvedimenti.
I professionisti e le imprese possono, dunque, integrare la loro capacità di giudizio con potere analitico dell’A.I. per giungere a una decisione meglio informata e fornire un livello più elevato di garanzia e qualità.

TORNA SU