X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

L’assegnazione della casa familiare non prevale sulla vendita anteriore

La Suprema Corte ripercorre la giurisprudenza sull’opponibilità ai terzi dell’assegnazione al coniuge non titolare di diritti sul bene

/ Anita MAURO

Giovedì, 11 aprile 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel caso in cui, in costanza di matrimonio, il coniuge esclusivo proprietario della casa adibita a residenza della famiglia la venda a un terzo e, poi, intervenga la separazione dei coniugi con assegnazione della casa familiare all’altro coniuge, non titolare di alcun diritto reale sul bene, ma collocatario della prole minorenne, il provvedimento di assegnazione dell’immobile all’ex coniuge è opponibile al terzo acquirente solo ove si dimostri che, successivamente all’acquisto della proprietà, il terzo avesse inteso riconoscere ai coniugi, o almeno a uno di essi, un titolo di godimento, riconducibile al minimo alla figura del comodato, non essendo a tal fine sufficiente la consapevolezza da parte del terzo, al momento dell’acquisto, della pregressa situazione di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU