ACCEDI
Mercoledì, 28 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

L’accertamento per il registro non passa alle dirette

/ REDAZIONE

Sabato, 10 febbraio 2024

x
STAMPA

Va cassata la sentenza che ha accertato una maggior plusvalenza derivante da cessione di un terreno edificabile basandosi sul solo valore accertato ai fini dell’imposta di registro, ritenendo che fosse onere della parte fornire la prova contraria. Lo ribadisce la Cassazione con l’ordinanza n. 3725 depositata ieri.

La Suprema Corte ricorda che, in passato, la giurisprudenza ammetteva la possibilità che, nella fase di accertamento di una plusvalenza patrimoniale realizzata a seguito di cessione a titolo oneroso di terreni suscettibili di utilizzazione edificatoria, l’Amministrazione finanziaria procedesse in via presuntiva basandosi sul solo valore accertato in sede di applicazione dell’imposta di registro, restando invece a carico del contribuente l’onere di superare la presunzione di corrispondenza del prezzo incassato col valore di mercato accertato in via definitiva in sede di applicazione dell’imposta di registro, dimostrando di aver in concreto venduto ad un prezzo inferiore.

Questo orientamento è stato definitivamente superato dal legislatore con l’art. 5 comma 3 del DL 147/2015 che, con norma di interpretazione autentica – e, quindi, con portata retroattiva – ha stabilito che, ai fini dell’accertamento delle imposte sui redditi, l’Agenzia delle Entrate non può procedere ad accertare in via induttiva la plusvalenza realizzata a seguito di cessione di immobile o di azienda solamente sulla base del valore dichiarato accertato o definito ai fini dell’imposte di registro ipotecaria o catastale, dovendo l’Ufficio individuare ulteriori indizi gravi precisi e concordanti che supportino l’accertamento di maggior corrispettivo rispetto a quanto dichiarato dal contribuente su cui grava la prova contraria.

L’irrilevanza del maggior valore dichiarato, accertato o definito ai fini dell’imposta di registro opera non solo in sede di accertamento, ma anche in occasione di qualunque modalità di definizione (cfr. Cass. n. 16008/2021).

TORNA SU